Newsletter – gennaio 2017

CHIESE E MONDO

Pratiche ecumeniche. Dialoghi tra Verona e Mosca di Paolo Bertezzolo

 _________________

Uno stile ecumenico di Michele Giulio Masciarelli

 _________________

Intervista a Brunetto Salvarani: Quando si dice “dialogo”?

In decenni di dialogo interreligioso, più o meno faticoso, di polvere ce n’è stata tanta, fino a impedirci di cogliere la complessità, ma anche la ricchezza, del confronto tra persone che s’ispirano a diversi cammini di fede.

 

_________________

Luciano Manicardi: Chiesa oggi alla luce della Evangelii Gaudium

 _________________

Giorno della memoria – 27 gennaio 2017

______________

La profezia della nonviolenza di Tonio Dell’Olio
Scritta così, tutto attaccato, come peraltro è comparsa nel Messaggio della 50° Giornata mondiale della pace, perché il primo carattere profetico della nonviolenza stessa consiste nel riconoscerla come proposta “attiva e creativa” e non più semplicemente nella mistificazione equivoca della negazione di un apparente positivo della violenza.

 

______________

Zygmunt Bauman: Dalla società liquida alle vite di scarto

  ________________

Vivere la fede nella società della gratificazione istantanea di Zygmunt Bauman
Riproduciamo di seguito un estratto dell’articolo del noto sociologo Zygmunt Bauman (1925-2017), apparso in «Concilium. Rivista internazionale di teologia». Si tratta di un’analisi attualissima e lucidissima, a tratti persino spietata, della precarietà strutturale del nostro mondo. Parole su cui riflettere per comprendere sempre meglio il sentore di “crisi” e di instabilità che pervade oggi le nostre vite.

 ________________

La fede come risorsa per l’umanizzazione delle relazioni digitali di Bruno Mastroianni

 ________________

_________________

MONACHESIMO

Belgio: le suore su you tube
In Belgio le monache benedettine di Loppem hanno lanciato un canale YouTube. In una serie di video mostrano scene della vita quotidiana nel loro convento e parlano della loro comunità.

_______________

_________________

LITURGIA E SACRAMENTARIA

Troppe parole
Il rito va celebrato, non spiegato. Il linguaggio liturgico (parole, gesti, silenzi), se è osservato nel modo dovuto, è già da per sé una vera catechesi che introduce nella comprensione del mistero.

 ________________

La vera vocazione dell’uomo
La preghiera in piedi come luogo di resurrezione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.