Newsletter – febbraio 2017

QUARESIMA

La Parola è un dono. L’altro è un dono

Messaggio del Santo Padre Francesco per la Quaresima 2017.

 _________________

Quale parola dalla croce?
RITIRO DI QUARESIMA – domenica 5 marzo 2017 – Monastero di S. Scolatica, Civitella (RM).
Le meditazioni saranno guidate da Emanuele Borsotti, monaco di Bose.

 _________________

Iniziati alla Pasqua: meditazioni sulla Quaresima di Andrea Grillo

 _________________

CHIESE E MONDO

Paolo Ricca a Trento “500 anni di Riforma: e oggi?”

PARTE 1

PARTE 2

 _________________

Giulio Michelini: Il vangelo secondo Matteo


 _________________

Mar Morto, trovate nuove tracce dei manoscritti: una nuova grotta per i “rotoli”

_________________

Orientarsi nell’era della post-verità di Giacomo Costa
Nell’ultimo anno l’espressione “post-verità” ritorna insistentemente nel mondo della comunicazione. Ma che cosa significa? Come è possibile orientarsi in un’era in cui i fatti sembrano perdere importanza a vantaggio delle convinzioni personali?

 _________________

Andrea Riccardi: «Il Mediterraneo? È introverso»
«Il pontefice non cela il timore che ormai non siamo più all’altezza della nostra storia. Manchiamo della spinta universalistica che ci ha accompagnato per tutto il Novecento».

______________

Senza Dio e senza Chiesa di Armando Matteo
A dirci che le relazioni tra i giovani e l’universo della Chiesa cattolica le cose non procedano proprio tanto bene, non servono più neppure le indagini sociologiche. Si tratta di un dato di fatto ormai sotto gli occhi di tutti: c’è un pezzo di Chiesa che manca.

 ______________

_________________

MONACHESIMO

CONVEGNO INTERCONGREGAZIONALE – Norcia 2016 di Angelo Fusaro osb

 ________________

“La vita che domanda”
Un monaco e un giornalista si incontrano sul bisogno di Dio dell’uomo contemporaneo.

_______________

_________________

LITURGIA E SACRAMENTARIA

Alberto Melloni – “La Chiesa e la società italiana dal Concilio ad oggi”

 ________________

Chiesa, autorità e Vangelo di Andrea Grillo
Sette tesi per un cordiale congedo dal modello ottocentesco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.